Consumi, l’80% degli europei vuole acquistare prodotti verdi, ma teme il greenwashing

consumiecoI consumatori europei sempre più confusi

Secondo il sondaggio Opinioni degli europei riguardo alla costruzione del mercato unico dei prodotti verdi,  «La maggior parte degli europei sarebbe pronta a modificare le proprie abitudini di consumo acquistando prodotti più “verdi”, ma molti sono convinti di non essere sufficientemente informati e non si fidano delle argomentazioni ambientali dei produttori». L’indagine è stata effettuata nei 28 Stati membri dell’Ue per conto della Commissione europea, ed ha coinvolto 25.568 cittadini di diverse fasce sociali e demografiche.

Il sondaggio rivela che il 77% degli intervistati sarebbe disposto «A pagare di più per prodotti rispettosi dell’ambiente, se avessero la certezza che lo sono davvero», ma solo il  55% ritiene di essere informato sull’impatto ambientale dei prodotti che acquistano e usano. I dati del sondaggio sono chiari: «La stragrande maggioranza dei cittadini Ue pensa che acquistare prodotti rispettosi dell’ambiente possa portare vantaggi reali per l’ambiente (l’89%) e che tali prodotti siano efficaci tanto quanto quelli normali (il 74%). La fiducia nel fatto che i prodotti contrassegnati come rispettosi dell’ambiente siano effettivamente meno dannosi è più alta in Portogallo (84%), Malta (82%), Francia (81%) e Belgio (81%). I consumatori sono invece molto più scettici in Germania (44%), Romania (46%) e nei Paesi Bassi (47%)».

Solo il 52% dei cittadini Ue crede alle dichiarazioni dei produttori sulle proprietà ecologiche dei loro prodotti, ma il 54% non si fida delle informazioni fornite dalle aziende sul proprio “profilo verde”). I paesi Ue nei quali il sospetto di greenwashing dei prodotti è più forte sono la Romania (40%), la Bulgaria (40%), la Grecia (39%) e la Lettonia (37%). La convinzioni di subire inganni o esagerazioni sulle qualità ambientali dei prodotti è invece meno diffusa a Malta (17%) e in Estonia (20%).

Il 69% dei cittadini Ue sono convinti sostenitori della necessità di obbligare le aziende a pubblicare relazioni sul proprio profilo ambientale complessivo e sulle caratteristiche ambientali dei loro prodotti.

Il 66% sarebbe disposto a pagare di più un prodotto se la garanzia fosse estesa a 5 anni. Il 92% pensa che dovrebbe essere indicata la durata di vita dei prodotti. Ben il 47% degli intervistati negli ultimi 12 mesi ha deciso di non fare riparare un prodotto difettoso a causa dei costi troppo elevati.

Il 45% ritiene pericoloso consumare prodotti alimentari dopo la data indicata nella dicitura “Da consumarsi preferibilmente entro il…” anche per questo grosse quantità di alimenti commestibili vengono sprecati e gettati ogni giorno. Invece oltre tre quarti dei cittadini di Svezia (81%), Austria (77%) e Gran Bretagna sono convinti che sia isicuro consumare gli alimenti anche dopo la data di scadenza indicata, opinione condivisa da meno di un cittadino su 5 in Romania (14%) e in Lituania (17%). (Green Report) Leggi tutto


Categories: Community

Tags:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

close / chiudi